+

11

Ago, 2017

Marco e Nicholas: un’Irlanda dal sapore orientale

By: | Tags: , , , , , | Comments: 0

Marco e Nicholas sono due allievi dell’ITS all’ultimo anno del corso per diventare Tecnico Superiore delle Preparazioni agro-alimentari e biologiche. Entrambi sono tornati solo da qualche mese da un Erasmus nella verde Irlanda, dove hanno trascorso tre mesi intraprendendo uno stage all’interno di una cucina thailandese fusion nel centro di Dublino. Un periodo di formazione accademica e professionale, che li ha segnati nel profondo, e a quasi due mesi dal loro ritorno, ci raccontano cosa è significato per loro questa esperienza con Erasmus+.

Marco e la sua indipendenza nell’ospitale Irlanda 

Irlanda MarcoLavorare nel ristorante thai per Marco ha significato misurarsi con un mondo culinario totalmente diverso da quello italiano, a partire proprio dal servizio fino ad arrivare a tutta la cattedrale di mansioni che c’è dietro di esso. Venendo a contatto con una cucina asiatica fusion, ha avuto modo di conoscere molti prodotti nuovi, come verdure e frutta, e diverse tecniche di preparazione, che nella ristorazione italiana troviamo raramente o quasi mai. Le novità culinarie sono state scoperte proprio grazie alla brigata, che lo ha accolto benevolmente, trasmettendogli i propri insegnamenti e dispensando consigli. Il rapporto d’amicizia venutosi a creare perdura tutt’oggi, in quanto Marco è ancora in contatto con lo staff del locale; ma i suoi colleghi non sono gli unici con cui ha mantenuto un legame, infatti, l’allievo sente spesso tramite web anche la famiglia del posto che lo ha ospitato nella propria abitazione.

Marco con parte della brigata in Irlanda

Marco con parte della brigata

L’alloggio non era molto distante dal luogo di lavoro e facilmente raggiungibile tramite trasporti pubblici, i suoi coinquilini si sono rivelati accoglienti sin da subito con lui, che li ha simpaticamente descritto “ospitali, come l’intero popolo irlandese”.

Marco definisce il suo periodo in Irlanda come “un’esperienza bellissima” che gli ha permesso di crescere sia in campo lavorativo che personale, in quanto è stata anche la prima volta che si trovava per lungo tempo lontano da casa e da solo in un paese straniero; è proprio quest’ultimo fatto privato che gli ha permesso di apprezzare al meglio il suo stage irlandese. L’essere lontano dalla propria terra, dai familiari e intraprendere una formazione in una lingua straniera ha permesso al ragazzo di ricevere solo vantaggi per la sua istruzione, la sua preparazione e la sua stessa persona.

L’esperienza in Irlanda ha trovato in Marco terreno fertile su cui crescere, in quanto lo studente è del tutto intenzionato a far ritorno nell’isola anglofona e tornare a trovare le persone con cui è venuto in contatto.

****

Nicholas e le novità culturali dell’isola verde

Tatarelli IrlandaMarco, però, non era totalmente solo in Irlanda, in quanto con lui c’era il suo compagno di corso Nicholas, con cui ha condiviso la professione e l’alloggio, rafforzando un solido legame di amicizia. Inizialmente Nicholas, a differenza del suo amico, si è trovato spaesato per via dell’approccio con un tipo di cucina diversa dalla propria, ma il disorientamento è durato ben poco e in breve tempo è riuscito ad abituarsi molto bene. Non solo ha iniziato a ingranare la marcia, ma ha anche scoperto di quanti pregi sia dotata questo tipo i cucina, come la rapidità dei tempi di cottura, che di conseguenza si rispecchiano sul servizio. La rapidità con cui si svolge il tutto è dovuta in particolare perché i piatti thailandesi, ci ha spiegato Nicholas, sono per la maggior parte a base di noodles, che, a differenza della nostra pasta, subiscono prima l’essiccazione, permettendo una cottura più veloce sul momento. Il ragazzo ha imparato a cucinare moltissimi prodotti tipici dell’Asia, che qui difficilmente vengono impiegati in cucina, come il curry e la soia, esportati tutti direttamente dalla Tailandia stessa.

Irlanda Nicholas cucinaLa brigata, che lo ha accolto nella cucina come uno di loro, lo ha affascinato principalmente per la sua multietnicità, costante che ha riscontrato nell’intera nazione; Nicholas è venuto, perciò, a misurarsi con una vastità di culture e di pensieri molto amplia, instaurando un rapporto molto forte con le persone che ha conosciuto durante il suo stage, di fatto ha ancora contatti con i colleghi di Dublino.

L’ospitalità che lo studente del Bio Campus ha riscontrato a livello professionale, però, corrisponde esattamente con quella riservatagli dalla famiglia ospitante, delle persone, a detta sua, “squisite e molto generose”.

L’Irlanda è rimasta nel cuore di Nicholas per i suoi paesaggi così verdi, tanto che non nega di voler far presto ritorno nel paese dei quadrifogli e che questa esperienza, che rivivrebbe sicuramente, è stata molto significativa per lui, in quanto gli ha permesso di vedere un’altra faccia del mondo culinario: un’ottima alternativa professionale a quella italiana.

Irlanda: un Erasmus è per tutti!

Erasmus+ è una grande opportunità per ogni studente che vuole migliorarsi in qualsiasi campo e i racconti di Marco e Nicholas ci mostrano come tutti con un po’ d’impegno possano facilmente intraprendere un periodo di formazione all’estero. Quindi, se non avete mai trascorso lunghi periodi fuori casa, come Marco, o se temete il confronto con una realtà diversa dalla vostra, come Nicholas all’inizio, in ogni caso rimarrete stupiti dalle vostre capacità e da quello che Erasmus+ può offrirvi: un cammino al termine del cui sarete più autonomi, più esperti nel vostro campo e con una marcia in più nel vostro curriculum!

****