+

Restaurant Manager

Restaurant Manager

Il ”Restaurant Manager” è il responsabile di un ristorante, ovvero della pianificazione e del controllo dell’attività di ristorazione in tutti i suoi aspetti: gestione economica, reclutamento ed organizzazione del personale di cucina e di sala, qualificazione e rapporto con i fornitori, elaborazione di menù, rapporto con i clienti, strategie di marketing. La sua presenza è fondamentale all’interno del ristorante, per garantirne l’operatività quotidiana e il successo nel lungo periodo.

Definisce ed implementa il piano di marketing e lo sviluppo della rete commerciale, ed acquisisce competenze manageriali tali da redigere budget aziendali e determinare il controllo dei costi, nel rispetto degli standard di qualità dei prodotti e dei servizi offerti.

Interpreta e soddisfa i bisogni e le richieste della committenza, coniugando le caratteristiche della materia prima con metodi di cottura innovativi, con particolare attenzione agli aspetti nutrizionali, organolettici e merceologici dei prodotti, elaborando proposte e menù, che propongono le eccellenze enogastronomiche, grazie anche all’utilizzo dei prodotti tipici e tradizionali.

È una figura innovativa che abbina capacità gestionali e organizzative alla conoscenza approfondita delle peculiarità del sistema agroalimentare e delle caratteristiche delle filiere produttive, non tralasciando gli aspetti storici, geografici e culturali del territorio e degli alimenti.

DATE DI SELEZIONE

20 – 23 OTTOBRE 2020

Ore 09:20

Diplomati (tutte le classi di diploma)

Maggior età

Sede di selezione e svolgimento: Via Mario Siciliano n° 1/4 – LATINA 

Competenze e conoscenze in esito al percorso:

Proporre soluzioni tecnologiche che introducono elementi innovativi e competitivi di prodotto e di processo 

  1. Capacità di interagire efficacemente nell’ambito di gruppi di lavoro multi-competenti, costituiti da operatori e tecnici, ricercatori, professionisti e manager, all’interno dei quali, svolgerà funzioni di documentazione, ricognizione, elaborazione e rielaborazione dei concetti e delle informazioni, applicate a specifici contesti di lavoro;
  2. Conoscenza delle norme nazionali ed europee relative alla: tutela dei Marchi; etichettatura; legislazione degli alimenti; sicurezza nei luoghi di lavoro; autocontrollo alimentare; primo soccorso; antincendio;
  3. Valutare soluzioni tecnologiche che introducano elementi innovativi e competitivi di prodotto e di processo;
  4. Conoscere le possibilità lavorative/formative offerte dal settore di riferimento e saper attuare strategie per la costruzione di un piano professionale e occupazionale;
  5. Comprendere la stretta connessione che esiste tra agricoltura e cibo, tra modelli alimentari e governo delle risorse agrarie nel corso dei secoli e nelle diverse civiltà;
  6. Identificare, promuovere, recuperare e valorizzare le tradizioni, le risorse, la storia e la geografia enogastronomica;
  7. Conoscere i passaggi cruciali dettati dai cambiamenti del gusto e dei consumi alimentari nel corso del tempo;
  8. Conoscere le differenti tipologie di alimenti sotto il profilo chimico fisico, nutrizionale e gastronomico;
  9. Conoscere e contribuire a gestire i modelli organizzativi della qualità che favoriscono l’innovazione nelle imprese del settore;
  10. Saper distinguere i prodotti alimentari in base alla loro origine e saper individuare i vari metodi di conservazione;
  11. Conoscere i prodotti in uso e il loro impiego in cucina, in pasticceria o in un forno ed utilizzarli nelle principali ricette;
  12. Seguire le procedure per la certificazione dei prodotti anche in relazione all’origine.

Gestire i processi di produzione e trasformazione nell’ambito di specializzazioni e peculiarità del “Made in Italy” 

  1. Capacità di attuare e monitorare i metodi fisici, chimici e biologici delle produzioni agroalimentari;
  2. Essere in grado di attuare strategie per la comprensione globale e selettiva della lingua inglese di testi e messaggi;
  3. Competenze informatiche che integrano la conoscenza dei software più diffusi e l’utilizzo della rete Internet e la fruizione dei suoi molteplici servizi;
  4. Conoscere le tecniche di gestione del linguaggio e della comunicazione ed in particolare nelle sue forme digitali;
  5. Rapportarsi efficacemente con le diverse figure che operano nella “catena del valore” delle filiere produttive e di servizio, in relazione a processi lavorativi esternalizzati e delocalizzati;
  6. Conoscenza dei principali marker di processo e di prodotto nel settore agrario ed alimentare;
  7. Capacità di relazionare le caratteristiche compositive delle materie prime con i processi di trasformazione applicabili e la tipologia di prodotti ottenibili;
  8. Gestire i processi e i flussi produttivi nella loro programmazione e controllo anche in relazione a logiche di industrializzazione e di miglioramento continuo;
  9. Conoscere le norme nazionali ed europee sulla tutela dei marchi, come: i PAT regionali, DOP, IGP, STG vini DO e IGT;
  10. Applicare strategie di marketing per la valorizzazione dei beni enogastronomici, anche a livello internazionale;
  11. Presiedere alla programmazione e al controllo nella preparazione degli alimenti;
  12. Conoscere le tecnologie alimentari applicate alla preparazione pasti riferiti alla pasticceria; la panificazione, la banchettistica e la ristorazione in generale;
  13. Conoscere le metodologie di analisi sensoriali e fisiche per lo studio e il controllo delle caratteristiche di qualità degli alimenti e delle tipicità enogastronomiche;
  14. Conoscere tecniche di preparazione e conservazione dei cibi e dei strumenti per la trasformazione delle materie prime di natura animale e vegetale;
  15. Formulare proposte di prodotti/servizi, interpretando i bisogni e promuovendo la fidelizzazione del cliente, con maggiore attenzione all’aspetto della sostenibilità e del chilometro zero;
  16. Capacità di utilizzare tecniche di lavorazione e strumenti gestionali nella produzione di servizi e prodotti enogastronomici e ristorativi;
  17. Saper collegare materia prima e prodotto elaborato e/o trasformato, alimentazione del passato e alimentazione della ristorazione attuale;
  18. Applicare strategie di marketing per la valorizzazione dei beni enogastronomici, anche a livello internazionale.

Gestire i processi produttivi secondo i principi di eco-compatibilità e sostenibilità 

  1. Applicare le normative comunitarie, nazionali e regionali in materia di salvaguardia e tutela ambientale, qualità e sicurezza;
  2. Applicare tecniche e tecnologie di produzione sostenibili a basso impatto ambientale.

Area tecnologica: Area 4 – Nuove tecnologie per il Made in Italy

Ambito: 4.1 – Sistema Agroalimentare

Figura nazionale di riferimento (ex Decreto 7/9/2011 – Decreto  5/2/2013):

4.1.1  Tecnico Superiore Responsabile delle delle Produzioni e delle Trasformazioni Agrarie, Agroalimentari e Agro-Industriali

COME PARTECIPARE?

INVIA A:

1. LA DOMANDA DI AMMISSIONE COMPILATA

2. CURRICULUM VITAE

3. COPIA DI UN DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO

Scarica di seguito il bando e la domanda di ammissione:

Richiedi informazioni on-line contattaci al numero:

0773.474380 o lascia un messaggio al +39 349 2712445 ti ricontatteremo

 dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle 17:00